Workshop : Trattamento delle malformazioni toraciche con impianti 3D personalizzati

Workshop : Trattamento delle malformazioni toraciche con impianti 3D personalizzati

Ospedale Tenon - Mercoledì 19 giugno 2019

Questo Workshop è il risultato della collaborazione tra il Reparto di chirurgia toracica dell'Ospedale APHP di Tenon di Parigi (Prof. Jalal Assouad e Dr. Denis Debrosse) e il Prof. Jean-Pierre Chavoin, già Direttore del Dipartimento di chirurgia plastica Centro Ospedaliero Universitario di Tolosa e Presidente della società AnatomikModeling.

Da un anno, il reparto di chirurgia toracica dell'ospedale Tenon ha voluto aprirsi a tecniche alternative rispetto alle tecniche di rimodellamento come Nuss o Ravitch, per trattare deformità toraciche quali il pectus excavatum. La tecnica degli impianti 3D personalizzati, che consente di ottenere ottimi risultati morfologici con rischi minimi per il paziente, è una tecnica sviluppata con soddisfazione. L'ospedale Tenon è all'origine di numerose iniziative di formazione e informazione degli operatori sanitari, in particolare attraverso la piattaforma online "Tenon Thorax Institute", che consente ai chirurghi di collegarsi gratuitamente per partecipare a tavole rotonde tematiche.

L'obiettivo del workshop in questione è consistito quindi nel condividere questa esperienza con diversi operatori sanitari francesi e francofoni che trattano tale tipo di patologie. Al workshop hanno partecipato complessivamente 35 chirurghi, principalmente chirurghi toracici, ma anche chirurghi plastici e pediatrici. Era rappresentata tutta la Francia (Parigi, Lille, Strasburgo, Grenoble, Marsiglia, Caen, Bordeaux, Nancy, Rennes…), così come la Svizzera, il Belgio, la Tunisia, il Marocco, il Senegal, la Costa d'Avorio...

Il workshop è iniziato con l'intervento live di un paziente maschio di 32 anni affetto da pectus excavatum asimmetrico (tipo 3; indice di Haller 3,5 per un impianto di 305 cm3). Il Prof. Assouad e il Prof. Chavoin, della sala operatoria, hanno potuto commentare direttamente l'operazione e rispondere alle numerose domande dei partecipanti.

In seguito all'intervento, il Prof. Chavoin ha condiviso la propria esperienza su più di 1000 casi di imbuto toracico e sindrome di Poland trattati con impianti personalizzati. Evidenziando i buoni risultati morfologici ottenuti grazie a tale tecnica e il bassissimo rischio di complicazioni. Ha altresì messo in luce, analizzando svariati casi clinici, come questa tecnica fosse rilevante in caso di fallimento di Nuss o Ravitch.

Benjamin Moreno, Direttore Generale della società AnatomikModeling, ha inoltre spiegato come, in base ad un esame medico scanner, l'impianto è stato progettato al computer, per adattarsi perfettamente all'anatomia di ogni paziente.

Al termine del workshop, il Prof. Assouad ha annunciato che entro la fine dell'anno verrà organizzata una tavola rotonda online sulla piattaforma dell'Istituto Toracico di Tenon. Chirurghi plastici e toracici discuteranno del vantaggio della tecnologia degli impianti personalizzati rispetto alle tecniche tradizionali di Nuss e Ravitch. Cardiologi e pneumologi forniranno il proprio punto di vista sul potenziale di impatto funzionale del pectus excavatum.

 

Il workshop in video

Condividere su :